(febbraio2014)

Berlino, rieccomi.

Sei diventata ormai familiare, come quegli amici che ti accolgono sempre e comunque, senza badare alla scomodità dei tuoi stati d’animo, sempre pronti ad allargare braccia, cuore e sorrisi.
Berlino ormai mi riscalda, e rientra nella cerchia dei luoghi che sono “casa” perchè si sono meritati il privilegio di farmi sentire accolta e a mio agio.
Scendo dal treno che mi porta dall’aereoporto ad Alexanderplatz, e cammino con calma lungo strade che mi sembra di conoscere da molto più tempo di quello “reale” (….per e con chi ne avesse voglia, si potrebbero aprire discorsi infiniti sulla concezione di tempo circolare versus tempo lineare…).

Domani, sabato 22 Febbraio, verrà inaugurata Artinaway two, collettiva d’arte e creatività intese in senso lato. La casa, le mani, gli animi, sono in fermento. Fino a tarda notte allunghiamo pensieri dalla mente, passando per il cuore, fino a raggiungere le mani che digitano parole connesse e sconnesse sulla tastiera.
Lo spazio di questo bell’appartamento privato si sta vestendo a poco a poco, si rassetta ma non troppo, per aprire le proprie porte con volto sincero e accogliente a chiunque vorrà varcare l’ingresso, e gli ingressi dei nostri mondi singoli e confluenti.

Ci si incontra, ci si ritrova, non si è mai completamente estranei, quando si sente che  l’incontro avviene in una dimensione più profonda di quella di una semplice stretta di mano.
Stringiamoci, lasciando spazio per danzare.

Vi aspettiamo.

www.artinaway.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *