Autore: Gaia Luce

Sono performer, giornalista pubblicista, autrice di poesia e narrativa, e fotografa. Ho vissuto una lunga esperienza come attrice teatrale e autrice-orchestratrice di performances sperimentali, che nutre la mia scrittura di parole e immagini nella cura ai dettagli che sfuggono a sguardi distratti. Da quando ne ho memoria ho sempre creato immagini con le parole: ricamate, affastellate, e lasciate sedimentare per estrarne lo spirito distillato. La poesia ha trovato sorellanza con la fotografia, che aveva già fatto capolino in alcuni progetti teatrali, interagendo con l’azione scenica. La comunicazione attraverso corpo e corde vocali è traslata in una narrazione di evocazione che impasta immagini e parole, facendone viaggio interiore, da indossare e lasciar assorbire dalla pelle e dal corpo emozionale. Sono convinta che la memoria della forma dell’immagine si ritrovi nelle parole, e il suono delle parole, nella forma dell’immagine. Ritraggo racconti, ovvero ciò che mi ha sempre nutrita: dei volti degli esseri viventi, del profilo delle membra delle città e dei luoghi non abitati, dell’essenza incorporea e al tempo stesso tangibile del viaggiare. Sono convinta che l’arte sia uno strumento di alchimia spirituale, che aiuta a spalancare lo sguardo, e a penetrare oltre le trame del velo. Non ho maestri, e ne ho moltissimi. Ogni persona incontrata mi ha insegnato qualcosa che ha avuto ripercussione sul mio percorso umano, strettamente intrecciato a quello artistico. L’Arte è un sentiero senza fine che offre alberi dai quali cogliere frutti nutrienti, che aiutano a proseguire il cammino con forza rinnovata. Di loro mi nutro incessantemente. Mi piace pensare che la mia opera creativa abbia un in-flusso sugli esseri umani con i quali entra in con-tatto. Che li tocchi visceralmente e sia un maieuta che aiuti ad ascoltare, e ad ascoltarsi.
Assaporare l’Ascolto – Procida

Assaporare l’Ascolto – Procida

Ancora prima di incontrare l’isola di Procida, ho fatto conoscenza con uno dei suoi ritratti più intensi: L’isola di Arturo, il superbo romanzo di Elsa Morante ambientato nell’isola.   Per parlare della scrittura di Elsa Morante devo fare un profondo respiro, e unire i palmi delle mani nel segno del gassho, esprimendo la mia gratitudine per un …

+ Read More

Un invito a pranzo in Marocco

Un invito a pranzo in Marocco

(aprile 2016) *prosegue dalla puntata precedente* Durante le giornate trascorse a Mirleft, ho ricevuto, insieme agli altri ospiti del Festival International du Cinema et la Mer, un invito a pranzo davvero speciale: il direttore del festival, Youba Ouberka, ha invitato tutti i partecipanti a casa della sua famiglia. Non c’è nulla di meglio, per conoscere …

+ Read More

Gli Incontri: Khodir Sekkouti, voce del popolo Mozabita

Gli Incontri: Khodir Sekkouti, voce del popolo Mozabita

Ho conosciuto Khodir Sekkouti in occasione del Festival du Cinema et la Mer, a Mirleft, in Marocco, dove abbiamo avuto occasione di condividere cultura in alcune scuole locali. Khodir è algerino, ed è attivista per i diritti del popolo dei Mozabiti, una minoranza etnica Amazigh, ovvero dei Berberi del Nord Africa. Khodir è per l’esattezza …

+ Read More

Artès: il viaggio è “fare esperienza”

Artès: il viaggio è “fare esperienza”

Vi presento il Progetto Artès, che rispecchia la filosofia di viaggio condivisa sulle pagine di Profondo Viaggio & Alchemica Mistura: il viaggio come esperienza di incontro e di crescita. Artès è l’acronimo di Animazione Relazionale Turistico Esperienziale, e quello che offre è un modo nuovo di vivere il viaggio, portandolo a essere un’esperienza “di” e “insieme …

+ Read More

Oasi Zegna – la fioritura dei rododendri: un gioioso bagno di colore

Oasi Zegna – la fioritura dei rododendri: un gioioso bagno di colore

(maggio 2017) Cosa c’è di più inebriante della fioritura in primavera? Per chi, come me, ama la Natura e i suoi figli, l’attesa della stagione dei fiori è quella di un invito a festa. Questa primavera ho avuto un grande privilegio: immergermi nella fioritura dei rododendri dell‘Oasi Zegna, in Piemonte.     Quest’anno la fioritura della Conca …

+ Read More

Translational Music – la musica che cura

Translational Music – la musica che cura

Alla fine del mese di maggio ho avuto la fortuna di prendere parte a un seminario esperienziale di due giorni con Emiliano Toso, biologo cellulare e musicista compositore, che negli ultimi anni ha creato con la sua musica una vera e propria forma di terapia.  L’incontro è stato reso possibile dalla Fondazione Zegna (artefice anche …

+ Read More

World Arctic Fund, in viaggio per l’ambiente

World Arctic Fund, in viaggio per l’ambiente

Sono entrata a far parte del progetto World Arctic Fund apparentemente quasi per caso: ma come ben sappiamo, il caso non esiste. Sono più propensa a pensare che l’unione del mio amore per pianeta Gaia, di cui porto il nome, l’impegno per la sua cura, e l’amore per il mare che ne è parte, abbia sprigionato un’energia …

+ Read More

Mexico! Un cinema alla riscossa che fa sentire la sua voce

Mexico! Un cinema alla riscossa che fa sentire la sua voce

Il cinema Mexico, piccola e intima sala nella zona dei navigli milanesi, rappresenta un esempio di resistenza e passione, grazie a colui che ne è da sempre l’anima: il signor Antonio Sancassani. Antonio Sancassani  ha “adottato” il cinema di via Savona nel 1977, e da quel momento non l’ha più abbandonato: se ne è preso …

+ Read More

Food ReLOVution – una rivoluzione fatta con Amore

Food ReLOVution – una rivoluzione fatta con Amore

Il 19 Maggio alla Libreria Esoterica di Milano, nota non solo come la più importante distributrice di testi di materia spirituale ed esoterica a Milano, ma anche come luogo di conferenze e seminari a tema, si è tenuto un incontro con il regista Thomas Torelli, in occasione della proiezione di Food ReLOVution. Food ReLOVution è l’ultimo …

+ Read More

Macbettu, un profondo noir sonoro

Macbettu, un profondo noir sonoro

Macbettu, produzione del Teatro della Sardegna con Teatropersona, si presenta come un allestimento unico nel suo genere. Alessandro Serra, regista dello spettacolo, attiva alla massima potenza due ingredienti: il carattere noir del Macbeth di Shakespeare, e la lingua gutturale della Barbagia,  che  diventa un linguaggio che coinvolge tutto il corpo degli attori in scena. Seguendo la tradizione del …

+ Read More

3 visitatori online
0 ospiti, 3 bots, 0 membri
Complessivo: 84 alle 06-17-2017 01:16 pm
Numero max di visitatori odierni: 4 alle 03:22 am
Mese in corso: 11 alle 08-05-2017 04:12 pm
Anno in corso: 84 alle 06-17-2017 01:16 pm