Lo confesserò subito: ciò che mi ha conquistato di Tel Aviv è il suo cuore antico: Jaffa, l’ambrata.

Sono arrivata a Jaffa nel giorno in cui inizia lo Shabbat, di venerdì, dopo lunghe attese di un autobus che mi ha fatto attraversare il centro di Tel Aviv e ammirare il suo lungomare, per poi approdare in un’epoca fuori dal tempo presente: quella di Yafo, nota per essere stata uno dei più importanti porti del Mediterraneo.

Jaffa - cuore -antico - di - Tel _Aviv
Uno scorcio di Jaffa che parla di Mediterraneo
Jaffa - cuore -antico - di - Tel _Aviv
I palazzi di Jaffa: color ocra del deserto e blu del mare

Jaffa indossa un fascino decadente in veste mediterranea: le case di mattoni color ocra, con le finestre tinteggiate di un blu profondo, si accompagnano alla visione del corpo slanciato delle palme, che svettano lungo le strade.

A Jaffa mi sono subito immersa nell’atmosfera delle bancarelle che si snodano lungo le vie principali, che trasmettono allegria e leggerezza, grazie anche alle performances estemporanee di bravi artisti di strada, come il simpatico e talentuoso mimo che mi sono fermata a osservare per qualche minuto.

Jaffa - cuore - antico - di Tel - Aviv
Manichini vintage occhieggiano lungo la strada
Jaffa - cuore - antico - di Tel - Aviv
Un dj set di strada
Jaffa - cuore - antico - di Tel - Aviv
Effetto “Purim”: qui e là si trovano persone vestite in costume, anche dietro alle bancarelle
Jaffa - cuore - antico - di Tel - Aviv
Sulle bancarelle di Jaffa si trova di tutto…
Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv
Nelle vie di Jaffa si incontrano anche molte botteghe di artisti e artigiani

 

Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv
Un mimo di grande bravura e carisma!
Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv
Il volto di un rabbino spunta fra i quadri accatastati in un angolo vicino al mercato delle pulci
Un bambino con la papalina ebraica osserva incuriosito i passanti, seduto sulla soglia del negozio del padre

Artizachen, un negozio che fa rimanere a bocca aperta

Passeggiando fra le bancarelle mi sono imbattuta in un negozio molto particolare dal bizzarro nome di  Artizachen, che mi ha invitata a entrare, rivelandosi un antro di creatività, pieno di vere e proprie chicche di oggetti vintage di vario genere.

Jaffa - il -cuore - antico - di - Tel - Aviv
L’ingresso di Artizachen, che ha attirato la mia attenzione

Ho fatto conoscenza con una donna con indosso una mascherina di carnevale con una piuma di un bel rosso acceso e la macchina fotografica fra le mani, come me: mi ha rivelato di essere una fotografa, di chiamarsi Ifat, e di essere un’amica del proprietario, con il quale ho fatto conoscenza poco dopo.

Jaffa - il -cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il -cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv

Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv
Shlomi, il proprietario di Artzachen, e la sua amica Ifat, fotografa

Shlomi mi ha raccontato di avere studiato al Politecnico di Milano: entrambi parlavano un po’di italiano, e hanno accettato di farsi ritrarre insieme per Profondo Viaggio & Alchemica Mistura.

Il celebre pishpeshuk di Jaffa

Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv
L’originale insegna del pishpeshuk di Jaffa

Alla fine incrocio l’ingresso del pishpeshuk (“mercato delle pulci”, in ebraico) di Jaffa, e l’attraverso in tutta la sua lunghezza: un tunnel di colori di stoffe, ceramiche e souvenir.

Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv

 

Un mosaico di religioni e architetture

Anche a Jaffa, come ovunque in Israele, è facile passare accanto a una moschea sulla via per una chiesa cristiana che si trova a  pochi passi da un monastero ortodosso o da una sinagoga.

Questo crea nell’architettura urbana una commistione fra diverse dimensioni, che ha come risultato una sensazione straniante.

Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv
La torre dell’orologio, di epoca ottomana

Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv

Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv
L’esterno di una moschea
Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv
Il minareto della moschea

Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv

Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv
La chiesa francescana di San Pietro

 

La collina con lo sguardo sul mare

Salendo verso il promontorio di Jaffa, ci si riempie lo sguardo di azzurro: la visione del mare, con i grattacieli di Tel Aviv che svettano come alberi d’acciaio, è impareggiabile.

Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv

Prima di incamminarmi, mi sono fermata vicino al mare, gustando uno dei migliori panini falafel che abbia mangiato finora, con un delicato retrogusto di limone. Ho potuto osservare le persone e il mare, insieme: chi vive in un luogo di mare si abitua alla sua magnetica presenza, e al tempo stesso ne rimane ogni volta affascinato, come accade nel rinnovarsi dello stupore di un innamorato nei confronti della persona amata.

Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv

Le vie di pietra, del colore del deserto e del mare

La suggestione più grande di Jaffa è racchiusa nel  dedalo di strette vie di pietra del colore della sabbia del deserto, punteggiate di piccole piastrelle del colore della chioma del mare, che prendono il nome dai segni zodiacali: le ho percorse partendo da quella che è indicata come la casa di Simone il Conciatore,  arrivando quasi fino al porto.

Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv
La strada che porta alla casa di Simone il Conciatore, dal quale inizia il dedalo di vicoli di pietra
Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv
La porta di ingresso della casa di Simone il Conciatore
Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv
La targa indica che lo scultore Eli Ilan visse in questa casa

Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv

Qui, dove sembra che i regnanti siano bellissimi felini che di tanto in tanto si ha la fortuna di incrociare, regna un morbido silenzio, interrotto solo dalle incursioni dei turisti.

Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv
Uno dei regnanti della città ocra dentro la città, in tinta empatica con le sue mura, a Jaffa
Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv
Dietro l’angolo si trova il monastero greco ortodosso dedicato agli angeli Michele e Gabriele

Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv

Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv
Foto d’epoca e opere d’arte moderna insieme, sui muri ocra di Jaffa
Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv
Gli artisti vedono oltre…
Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv
…e usano la fantasia per creare nuove realtà

Ho avuto l’impressione che questi vicoli siano stati scelti come luogo di raccolta di molti spazi artistici, fra negozi artigianali e gallerie d’arte.Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv

 

Il ponte dei desideri, e il tramonto sulla collina

Risalendo mi sono fermata sul Ponte dei Desideri, sulla cui balaustra sono incisi i dodici segni zodiacali:  si dice che, toccando il proprio segno zodiacale e guardando il mare, sia possibile esprimere un desiderio che ci sta a cuore.

Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv
Il Ponte dei Desideri
Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv
Il Ponte dei Desideri e la chiesa di San Pietro

Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv

Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv
Il mio segno zodiacale, il Sagittario

Lì accanto sorge un piccolo promontorio, quello dei Giardini HaPisgah, con una vista meravigliosa sul panorama marino e sul profilo di Tel Aviv, e un piccolo anfiteatro dove in estate si tengono i concerti di Jaffa Nights, che mi immagino immersi un’atmosfera di incomparabile suggestione.

Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv
Abrasha Park, Jaffa, e il panorama su Tel Aviv, al tramonto

Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv

Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv
La bianca scultura che campeggia sulla collina panoramica di Jaffa raffigura la caduta di Gerico, il sacrificio di Isacco e il sogno di Giacobbe
Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv
L’anfiteatro di Jaffa
Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv
Lo sguardo su Tel Aviv

Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv

 

Il saluto di Jaffa, con suoni e visioni

Mentre prendo la via del ritorno, nell’ora del tramonto inoltrato, mi accompagna il canto che annuncia l’inizio dello Shabbat. Mi sento fortunata, perché è uno di quei momenti che il viaggio regala a chi sa percepirne l’unicità, quando tutto, per un istante, sembra possibile, per quanto ci sentiamo inebriati.

Anche il mare sembra prepararsi  per il riposo, e si veste di blu notte. Le immagini che raccolgo lungo questi ultimi passi, che mi condurranno da Jaffa al centro di Tel Aviv a piedi, hanno, fra tutte, la voce più profonda.

Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv

Jaffa - il - cuore - antico - di - Tel - AvivJaffa - il - cuore - antico - di - Tel - Aviv

***

La pagina dedicata a Jaffa sul sito dell’ente del turismo di Israele

34 thoughts on “Jaffa, il cuore antico di Tel Aviv”

  1. Sono molto affascinata da questa città e le foto che hai fatto dimostrano che è davvero una città incredibile col suo dualismo: antico e moderno. Ho voglia di visitarla, ma ho un po’ di timore. Non so se riuscirei a girarla in tranquillità. Tu cosa dici? E’ una città sicura? Possiamo andare tranquillamente da soli o è meglio affidarsi ad un tour organizzato?

    1. Ciao Raffi: non avere alcun timore. Ovviamente è sempre meglio informarsi sulla situazione in atto, prima di partire per Israele, ma generalmente si tratta di un viaggio di assoluta sicurezza. Io sono sempre e comunque per i viaggi indipendenti, senza un tour operator che faccia da tramite: ne guadagni in libertà ed autenticità dell’esperienza, oltre che in termini economici. Se hai bisogno di qualche consiglio scrivimi pure. Appena possibile scriverò ancora, su Tel Aviv e Gerusalemme.

    1. Grazie! Sì, Israele offre davvero tanti spunti di viaggio, ed è così facile da raggiungere dall’Italia, che vale la pena non lasciarsi sfuggire questa esperienza. 🙂

  2. Viaggiando in India ho iniziato ad appassionarmi sempre più riguardo Israele, per via dei tanti israeliani che ho conosciuto. Tu mi hai donato uno scorcio in più, grazie anche alle foto suggestive. Sembra che tu abbia fatto uno splendido viaggio. Un abbraccio.

    1. In India ho conosciuto due ragazze israeliane: incontri molto intensi, e un’amicizia che ancora mi accompagna. Ho riabbracciato una di loro proprio in Israele, a Gerusalemme. Sì, è stato un viaggio molto intenso, sotto molti punti di vista, anche profondamente personali…grazie Sara, un abbraccio anche a te.

  3. Che meraviglia! Io subisco il fascino del luoghi decadenti, in particolar modo se hanno affaccio sul mare. Non avevo ANCORA mai preso in considerazione Tel Aviv…… ci faccio un bel pensierino….

  4. Foto bellissime e racconto che ti fa venire voglia di partire subito,e a proposito mi sono innamorata del mercato delle pulci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *