Veganesimo

Oggi, 1 Novembre, è stata designata come Giornata Mondiale delVeganesimo, e inizio del Mese Vegan: si tratta infatti dell’anniversario della The Vegan Society, fondata da Donald Watson nel 1940.

Dall’1 al 7 Ottobre 2016 si è svolta invece la Settimana Mondiale Vegetariana, ideata nel 1977 per promuovere la scelta vegetariana, e la sua cultura.

Creata nel 2008 dai leaders di alcune organizzazioni per condividere, come si legge sul sito “risorse ed esperienze”, è un’ottima occasione di avvicinarsi a questa importante scelta di vita, grazie ai numerosi eventi e occasioni per prendere consapevolezza sia sui passi da fare, che sulle motivazioni che ne stanno alla base.

Cinquanta città italiane sono coinvolte in iniziative che promuovono questa scelta, etica prima di tutto, ma non solo: approfondire porta a scoprire come essere vegetariani (o meglio ancora, vegani) sia di grandissimo apporto in termini di salute, nostra e del Pianeta Terra.

Ma cosa significa, davvero, essere vegetariani e vegani? E’ davvero un passo così gravoso, che richiede pesanti sforzi per iniziare ed essere costanti?

La mia risposta sarebbe: assolutamente no. E’ molto più facile di quanto pensiate. Ma è indubbio che si tratti di un’esperienza, come tutte del resto, diversa da persona a persona.

 

Come sono diventata vegetariana, ora vegana

Veganesimo
Io e Biancaneve, qualche anno fa, in montagna

Ho fatto la scelta vegetariana quando ero ancora una bambina, verso i 9 anni di età.

Perché? Ho sempre amato tantissimo gli animali, che sono stati i miei primi veri amici, e a un certo punto ho detto: non li voglio più mangiare. Semplicemente, ho smesso. Carne e pesce, in un’unica soluzione. Senza mai più tornare indietro. Anzi, ho fatto un passo ulteriore: ora sono vegana. Per me è stato naturale, e non ho sentito la mancanza di cibi che sono in realtà parti del corpo di individui morti, una volta viventi.

Esseri viventi con una personalità, la capacità di provare sentimenti, emozioni, di creare legami d’affetto e uniti fra loro da parentele, amicizia, amore. Proprio come noi, esseri umani. Come qualsiasi essere senziente.

La chiave di volta, soprattutto per chi condivide la propria vita con un animale “domestico”, sarebbe capire come non ci sia alcuna differenza fra quell’essere che tanto amiamo, e tutti gli altri animali che finiscono a pezzi nei piatti, sulle tavole di tutto il mondo.

 

Cosa mangia davvero chi mangia carne – di vibrazioni e anabolizzanti

Questi esseri viventi e senzienti sono stati imprigionati e abusati, prima di essere uccisi brutalmente. Hanno sofferto la perdita della loro dignità, della libertà, la separazione dagli esseri che amavano (ad esempio le loro madri, o i loro figli), e un violento dolore fisico: questo è tutto ciò che viene ingerito da chi mangia carne.

Quando introduciamo cibo nel nostro corpo, non mangiamo solo qualcosa composto di una materia, ma anche la sua vibrazione: questo è ciò che si intende con il dire Siamo quello che mangiamo.

Il filosofo tedesco  Ludwig Feuerbach è stato il primo, verso la fine del 1800, a fare questa affermazione, riferendosi alla profonda influenza che il cibo avrebbe sulla psiche, oltre che sul corpo.

Il cibo, come tutto ciò che esiste in natura, possiede un’energia vitale, che è vibrazione in movimento. Fu l’ingegnere francese André Simoneton a teorizzarlo, studiando gli effetti di diversi alimenti sul corpo umano. Lo stesso Simoneton, gravemente malato, incontrò la guarigione con il diventare vegetariano.

Il teosofo francese C.W. Leadbeater sostenne che l’alimentazione vegetariana è l’unica via per la purificazione del corpo: i quattro corpi dell’essere umano (secondo la Teosofia fisico, eterico, astrale, e dell’Io) sono connessi fra loro, e di conseguenza cibare il corpo fisico di carne, nutrimento grossolano, riempie anche gli altri tre corpi di materia impura.

Veganesimo

Mangiare  carne è di ostacolo anche alla meditazione, in quanto le energie negative assorbite con la carne di animali uccisi con violenza, impediscono l’armonizzazione delle proprie energie con quelle universali.

Veganesimo

Ogni persona è diversa dalle altre, con un percorso di vita e di crescita differente, e non tutti condividono argomentazioni di questo tipo. Alcuni, al contrario, perseguono un convinto razionalismo.

Ma il discorso non cambia, perché, anche tralasciando il discorso energetico, è bene sapere che mangiando carne si assumono anche le massicce dosi di ormoni e anabolizzanti  che vengono somministrati agli animali da allevamento, per accelerare la loro crescita: avete davvero intenzione di inquinare il vostro corpo con sostanze chimiche nocive per la salute?

 

Essere Vegani per la salute del Pianeta Terra, ovvero anche la nostra

C’è da sottolineare una conseguenza virtuosa importante della scelta vegana: come ormai si ripete da lungo tempo, le risorse del Pianeta Terra sono limitate, e non avranno durata eterna.

Veganesimo

Per fare solo un esempio, pensiamo all’acqua, elemento fra i più preziosi di cui abbiamo la fortuna di disporre, e che continua inesorabilmente a ridursi: una delle cause principali? Gli allevamenti intensivi. Il 70% delle risorse idriche sono impiegate nella zootecnia e nell’agricoltura, per ricavare prodotti che servano a ingrassare gli animali che diventeranno fonte di alimentazione per l’essere umano, con la loro carne  e il loro sfruttamento massiccio, volto alla produzione di prodotti di derivazione animale come il latte.

Per non parlare dell’uso dei pesticidi usati per questo tipo di agricoltura: il settore della carne è al secondo posto fra i maggiori fattori di inquinamento.

Cosa dire poi del fondamentale problema della deforestazione? Torniamo al punto di prima: la maggior parte delle porzioni di terra che vengono disboscate, prevedono come destinazione gli allevamenti e il profitto che se ne vuole trarre. A discapito della vita degli animali, della salute degli esseri umani, e dell’esistenza del Pianeta Terra.

 

Scelta vegan = più cibo per tutti

C’è un di più: il terreno che viene destinato alle coltivazioni utili per portare avanti l’industria del bestiame, viene sottratto in quantità industriali – appunto – alle coltivazioni che potrebbero sfamare l’intera popolazione terrestre, inclusi i paesi dove di fame si muore ogni giorno.

Veganesimo
Chi ci dà il diritto di esercitare potere di vita e di morte su un altro essere vivente?

Basterebbe un etto di cereali per sfamare un essere umano, mentre occorrono 6 kg di proteine vegetali per ottenerne solo uno di proteine animali. Facile fare un rapido calcolo, e trarre le debite conseguenze.

Veganesimo

 

Vegano è colore, sapore, gusto

Chi sostiene che un’alimentazione vegana sia povera di gusto non sa di cosa parla. Sicuramente non si esprime per esperienza diretta.

Cucinare piatti vegani è semplice, molto più che optare per una cucina onnivora: non è necessario ricorrere a ingredienti dai nomi astrusi difficili da reperire, ma basta imparare a dosare sapientemente gli ingredienti che la terra ci offre spontaneamente: frutta, verdura, legumi, cereali, spezie, in tutte le loro innumerevoli declinazioni e combinazioni. Troverete tutto quello che vi serve al mercato, e in un semplice supermercato: no, non è indispensabile fare acquisti nei costosi negozi bio, se non lo si desidera, o non si può farlo.

Inoltre un piatto vegano con i suoi tanti e intensi colori, è una vera gioia per gli occhi.

Veganesimo
Ricordiamoci che ci alimentiamo con tutti i sensi!

Non di solo cibo

Questo post è incentrato soprattutto sul discorso alimentare. Ma è importante essere consapevoli del fatto che essere vegani riguarda non solo il cibo con il quale nutriamo il corpo, ma anche ogni altra attività che costituisce la nostra vita quotidiana.

Veganesimo

Veganesimo

Scegliere una via cruelty-free significa anche scegliere cosmetici, e in generale prodotti di uso quotidiano, che non prevedano test su animali (e quindi la vivisezione).

Significa dire no a tutti quelle occasioni di intrattenimento basate sullo sfruttamento animale, sullo svilimento della dignità e sulla privazione della libertà di un essere vivente, incluse le cosiddette “tradizioni culturali”  (leggi: tradizioni di crudeltà arcaica), quando siamo in viaggio.

Veganesimo

 

***

Credo sia facile per chiunque abbia voglia di documentarsi e approfondire – cosa buona per ogni ambito della vita – arrivare alla consapevolezza che la scelta vegana è una scelta d’amore: per noi stessi, per tutti gli esseri viventi, per il Pianeta che ospita, accoglie e avvolge la nostra vita, ogni giorno.

Sul sito di Essere Animali potrete farvi condurre per mano nell’esperienza di una settimana da vegani, con suggerimenti per un menu gentile e gustoso allo stesso tempo. Garantito: non riuscirete più a farne a meno!

Essere Vegani significa scegliere la Vita.

 

Approfondimenti utili

 Libri:

 “Se nulla importa” di Jonathan Safran Foer – Guanda Edizioni

“Gabbie vuote” di Tom Regan – Sonda Edizioni

Film  Documentari:

“Il popolo degli animali” Associazione Saras

“Cowspiracy” di Kip Andersen e Keegan Kuhn

“Food Inc. – Cibo Spa – Sai davvero cosa mangi?” di Robert Kenner

“Super Size Me” di Morgan Spurlock

“Meat the Truth” (in italiano “Carne, la verità sconosciuta”) di Karen Soeters e Gertjan Zwanikken

 

Siti web di approfondimento, spunti utili e attivismo:

Essere Animali  

Animal Amnesty 

Consumo Consapevole 

VegFacile

Vegolosi

Questa è solo una piccola parte degli innumerevoli spunti che potete trovare facendo una semplice ricerca in rete: vi suggerisco un inizio, ma potete continuare in autonomia, trovando ciò che possa rispondere in modo più adeguato alle vostre esigenze.

L’ingrediente di base rimane uno solo: l’Amore.

Veganesimo

 

*Grazie a Essere Animali per le immagini sempre semplici ed esplicative, quindi di sicuro impatto, che condividono per promuovere la consapevolezza dei Diritti Animali.

*Per chi fosse a Milano e dintorni, c’è un prossimo appuntamento da non perdere, per approfondimenti, ascolto di testimonianze, e degustazioni veg: il 5 e 6 Novembre, nella suggestiva cornice di Villa Arconati, si svolgerà l’edizione 2016 del Mi Veg.

C’è anche la possibilità di usufruire di un  Carpooling dedicato per arrivare a destinazione, magari anche da altre regioni d’Italia! 

 

 

 

 

One thought on “La Giornata Mondiale Vegana: un buon inizio, per una scelta d’Amore che dura tutta la vita”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *