Ho conosciuto la pratica del Nada Yoga, ovvero la musicoterapia indiana, in seguito allo studio del canto armonico. Attraverso una ricerca personale ho avuto modo di fare conoscenza con il musicista, musicoterapeuta e insegnante Riccardo Misto, formatosi con il maestro indiano Vemu Mukunda, a cui si deve l’elaborazione di un peculiare metodo di musicoterapia, ispirato agli antichi principi del lo yoga del suono.

Al momento ho la fortuna di seguire il Corso annuale di Formazione in Musicoterapia Nada Yoga e Canto Armonico condotto da Riccardo Misto: un bellissimo viaggio, che mi sta donando strumenti preziosi da condividere attraverso progetti di arte terapeutica.

In questa breve intervista, Riccardo Misto descrive la pratica del Nada Yoga, spiegando quali benefici apporti, nell’ambito dell’autoguarigione e della terapia.

Nada - Yoga - Riccardo - Misto
Riccardo Misto durante un concerto

*

Come si potrebbe descrivere la pratica del Nada Yoga?

Il Nada Yoga è una disciplina musicoterapeutica di origine indiana che utilizza il suono, la musica e la coscienza del corpo per sciogliere i blocchi emotivi energetici, causa della maggior parte delle problematiche psicofisiche.

Nada - Yoga - Riccardo - Misto

In che modo il suono è terapeutico?

Possiamo parlare di effetto terapeutico, nel senso di una trasformazione dell’energia emotiva bloccata e utilizzata male, andando a recuperarla e impiegarla positivamente.

Quali benefici apporta la terapia del suono, per l’autoguarigione e attraverso la terapia applicata?

Nel Nada Yoga il paziente/utente è istruito a mettere in atto delle tecniche molto concentrate, che basilarmente consistono nell’intonare particolari fonemi, scale musicali e nell’utilizzare visualizzazioni con il movimento della coscienza nel corpo. Questo porta a rivitalizzare e potenziare il sistema autoimmunitario, portando a galla dall’inconscio i vissuti emotivi negativi e convertendoli grazie al potere evocativo di specifiche strutture musicali (scale), usate in modo logico-matematico, e di altre formule sonoro-vibrazionali (mantra), andando a ripristinare il corretto scorrere dell’energia, risolvendo così molte patologie in modo naturale e duraturo.

Allo stesso modo si possono potenziare le capacità di attenzione, concentrazione, memoria, e sviluppare l’intuito. Altre tecniche, che impiegano l’uso del cosiddetto Canto Armonico, permettono di attuare in modo efficace la meditazione, espandendo la coscienza e la consapevolezza.

Non occorre essere musicisti o cantanti, chiunque può mettere in pratica le varie applicazioni dopo essere stato istruito.

Viene anche trovata la frequenza-base individuale, chiamata Tonica Personale, che corrisponde ad una delle 12 note: in questo modo si riesce a lavorare con maggior precisione ed efficacia, nonché a comprendere meglio il proprio carattere, le diverse potenzialità e attitudini.

Nada - Yoga - Riccardo - Misto

*

Riccardo Misto si è formato come musicoterapeuta al Corso quadriennale di Musicoterapia di Assisi e ha poi studiato con il Maestro indiano Vemu Mukunda, diplomandosi in Nada Brahma Yoga. Ha lavorato con lui diversi anni come assistente ai suoi seminari e corsi e si è poi specializzato nella pratica del Canto Armonico con Roberto Laneri, Tran Quang Hai e David Hykes.

Conduce seminari intensivi e percorsi di formazione a Padova, Roma e Milano.

Nada - Yoga - Riccardo - Misto

Per domenica 4 novembre è previsto uno stage intensivo  all’ISPA di Milano: in questa occasione si avrà l’opportunità di praticare e sperimentare di persona le principali tecniche dello Yoga del Suono e del Canto Armonico. Verrà inoltre presentato il prossimo Corso annuale di Formazione in Musicoterapia Nada Yoga e Canto Armonico, che partirà da gennaio 2019 a Milano, Padova e Roma.

Sul suo sito web è possibile consultare le successive date in programma per i corsi in partenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *