Oasi Zegna – la fioritura dei rododendri: un gioioso bagno di colore

Oasi Zegna – la fioritura dei rododendri: un gioioso bagno di colore

(maggio 2017)

Cosa c’è di più inebriante della fioritura in primavera? Per chi, come me, ama la Natura e i suoi figli, l’attesa della stagione dei fiori è quella di un invito a festa. Questa primavera ho avuto un grande privilegio: immergermi nella fioritura dei rododendri dell‘Oasi Zegna, in Piemonte.

 

Oasi Zegna

 

Quest’anno la fioritura della Conca dei Rododendri è stata eletta come “la fioritura più bella d’Italia 2017” dal sondaggio online organizzato da Il Parco più bello d’Italia, network dei parchi e giardini d’Italia: saperlo accresce la mia emozione, anche a distanza di tempo dall’incontro con questo luogo di eccezionale bellezza.

Oasi Zegna

Oasi Zegna

Oasi Zegna

La Conca dei Rododendri è un’area naturalistica protetta in zona Trivero (Biella), che si trova lungo la strada della Panoramica Zegna, voluta da Ermenegildo Zegna (al quale l’Oasi è intitolata), per collegare la località di Trivero e la sua comunità con la montagna delle Alpi biellesi. 

A Ermenegildo Zegna, noto soprattutto per la casa di moda da lui fondata, il territorio della provincia biellese deve molto: Zegna infatti, oltre a dare lavoro a molte persone del posto grazie al suo lanificio, si è anche attivato per valorizzare i “suoi” luoghi, rendendoli mete turistiche, e per preservarne l’ambiente naturale, creando l’Oasi Zegna, che comprende un vasto territorio montano nel biellese. Oggi i suoi discendenti portano avanti l’attività di tutela del patrimonio ambientale della zona, ma non solo: la Fondazione Zegna supporta e promuove progetti in diversi ambiti del no-profit, come quello di Emiliano Toso e della sua Translational Music.

E’ sempre bene conoscere la storia dei luoghi, perché aiuta a penetrarne l’essenza, proprio come quando si fa conoscenza con una persona che un attimo prima ci era estranea.

Accanto alla conoscenza, l’emozione: quando arriva, ci lasciamo fluire sull’onda di un sentimento indefinibile, che canta suoni senza struttura, liberi, selvatici, e intensi. Questo accade, di fronte alla bellezza.

La Conca dei Rododendri è un quadro impressionista: potrebbe essere  una delle opere più intense di Claude Monet, il grande artista di giardini – dipinti e coltivati dalle sue mani d’artista – che del suo rapporto d’amore con la natura fece arte, in tutti i sensi.

Oasi Zegna

La prima visione che si ha dall’alto, è di fortissimo impatto: i fiori, abbigliati nelle sfumature del bianco, del rosa e del viola, paiono macchie di colore cadute dal pennello di un pittore ingordo della materia prima della sua arte.

E’ difficile distinguere l’una dall’altro queste piccole creature di incantevole bellezza. Ma basta iniziare la passeggiata, che dall’alto conduce in un percorso a serpentina fino al fondo della conca, per osservarne da vicino i volti morbidi e delicati, meravigliandosi nel trovarli uno diverso dall’altro, per colore, forma, dimensione.

Oasi Zegna

Oasi Zegna
Oasi ZegnaOasi ZegnaOasi ZegnaOasi Zegna

Gli artefici dell'”allestimento” di tanta bellezza sono gli architetti paesaggisti Pietro Porcinai e Paolo Pejrone, che hanno collaborato con la natura creando disposizioni armoniche dei fiori a seconda dei colori e delle dimensioni.
Oasi Zegna Oasi Zegna

Mettere un passo avanti all’altro respirando bellezza, riempiendo gli occhi di colore e raccogliendo gioia a ogni inspirazione. Basterebbe questo.

Ma nella Conca dei Rododendri si può anche sostare, in contemplazione o per un pic-nic sulle panchine distribuite in alcuni punti del percorso, e, volendo, si può decidere di partecipare alle uscite organizzate, condotte da guide esperte e competenti.

Oasi Zegna Oasi Zegna

Oasi Zegna

Per assistere allo spettacolo della fioritura dei rododendri, dovrete aspettare l’anno prossimo, dalla metà di maggio alla metà di giugno (più o meno, a seconda dell’anno).

Oasi Zegna Oasi Zegna

 

Albergo Bucaneve, un nido di montagna nel cuore dell’Oasi Zegna

Durante i giorni trascorsi all’Oasi Zegna, per partecipare al seminario di Translational Music e visitare la fioritura dei rododendri, sono stata ospite dell’Albergo Bucaneve Sport & Wellness, un tipico chalet di montagna di grande charme e sobria eleganza, affacciato sulle Alpi Biellesi a 1500 metri di altezza.

Oasi Zegna

All’Albergo Bucaneve si respira la vicinanza con la Conca dei Rododendri: mazzi di questi affascinanti fiori sono distribuiti negli spazi comuni, e persino alla sala dove si svolgono incontri e seminari è stato dato il nome di Rododendro Room

La terrazza del ristorante dell’albergo è un punto panoramico dal quale ammirare la maestosità delle montagne, sulle quali si può salire grazie alla stazione degli impianti, che si trova a pochi metri di distanza dall’albergo.

Oasi Zegna

Oasi Zegna

Le stanze e gli spazi comuni sono arredati in caldo legno, e chi alloggia qui per qualche giorno di vacanza, può concedersi il lusso di un momento di relax totale nel centro benessere dell’albergo.

Oasi Zegna

Oasi ZegnaOasi ZegnaOasi Zegna

Oasi Zegna Oasi Zegna

L’Albergo Bucaneve è stato rinnovato nel 2013, e si trova in località Bielmonte, nel cuore dell’Oasi Zegna, a 11 km da Trivero e a 30 km circa da Biella.

 

***

Oasi Zegna

Fondazione Zegna

Albergo Bucaneve Sport & Wellness

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 visitatori online
0 ospiti, 3 bots, 0 membri
Complessivo: 84 alle 06-17-2017 01:16 pm
Numero max di visitatori odierni: 14 alle 11:33 am
Mese in corso: 28 alle 12-15-2017 10:15 am
Anno in corso: 84 alle 06-17-2017 01:16 pm