(stralci di diari di viaggio)

Stasera piccola festa per (e fra) noi del gruppo di lavoro i questo hotel – ritiro d’acqua e alberi ai confini della foresta berlinese.
Abbiamo (alcuni di noi) cucinato (ricette rumene, giapponesi e finlandesi, ma le nazionalità includono anche Spagna, Italia – io – Corea e Germania), con sottofondo musicale, nella grande e accogliente cucina del quinto piano.

Fluttuo a mio agio, in questo Presente privo di passato e futuro, che non chiede dimostrazioni di valore né giustificazione di presenza – assenza.

Uno di quei momenti che illuminano tutto ciò che li ha preceduti – abissi in primis  –

E’, adesso, e domani mattina sarà già evaporato, lasciando una scia del suo profumo.
Facendosi ingrediente del prossimo viaggio.

Sono grata agli apparenti ostacoli e limiti che mi hanno condotta qui, a vivere questo straordinario momento, in questo luogo, con queste persone.

Grata alla capacità di trasformare e farne nutrimento caldo e pieno di amore; grata alla persona così diversa e allo stesso tempo, in essenza, sempre uguale che attraversa questo non luogo – non spazio  che è il Tempo.

[…]

Questo momento racchiude tutti coloro che ho amato, e che amerò.
I luoghi che sono casa e quelli che sono state preziose stazioni di passaggio.

Perchè viaggiare  è anche e soprattutto questo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

https://www.youtube.com/watch?v=ee05p1I464s&fb_action_ids=760767897375234&fb_action_types=og.shares

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *